Chi siamo

Cantascuola è un’Associazione di Promozione Sociale nata nel 1998. Il suo scopo principale è di diffondere l’attività corale e più in generale la cultura musicale, stimolando la nascita di nuove aggregazioni a partire in primo luogo dalla scuola. Gli interlocutori privilegiati sono dunque gli allievi dei vari ordini di scuola, gli insegnanti ed i genitori.

Cantascuola si propone più che altro come agenzia di indirizzo, di consulenza e di scambio. In questa prospettiva intende offrire servizi di tipo formativo, artistico e organizzativo e favorisce le relazioni delle diverse aggregazioni attive in campo musicale fra di loro e con le istituzioni, in particolare gli enti locali.

Cantascuola ha istituito una Rete fra le diverse realtà scolastiche, allo scopo di favorire lo scambio di esperienze, di facilitare il sostegno reciproco fra situazioni più o meno simili, di dare maggiore visibilità e respiro a quello che si fa a Torino, nella regione e in ambito interregionale, nel campo della musica corale e in genere della formazione musicale dei più giovani.

Cantascuola non si rivolge però esclusivamente al mondo della scuola: in questi anni ha infatti sviluppato progetti e attività che si rivolgono a bambini, ragazzi, giovani e adulti. Questi progetti vanno dalle attività corali, alla proposta di avvicinamento alla musica con gli strumenti, alle iniziative di formazione professionale per musicisti e insegnanti di musica, fino a giungere agli studi per indagare cosa la Musica può offrire alla Persona nei campi del disagio e dello svantaggio.

Lo strumento principale attraverso cui Cantascuola svolge la propria attività di proposta è dato da una serie di progetti e protocolli, definiti sulla base delle esperienze accumulate sinora e delle idee di fondo che maturano con l’evolvere dell’associazione. Questi progetti e protocolli prevedono precisi percorsi di Attività adeguati a situazioni diverse, comprensivi di passaggi formativi, di strumenti con cui lavorare, di forme di verifica, di indicazioni pratiche su come favorire l’aggregazione di nuovi gruppi o magari anche la nascita di altre associazioni.

I commenti sono chiusi